Riapertura degli istituti scolastici superiori da lunedì 11 novembre

Il sindaco Enzo Salera ha comunicato la riapertura degli istituti scolastici superiori

Esplora contenuti correlati

Il benessere vien mangiando!

4 Novembre 2019

Educazione alimentare anziani

Un ciclo di 8 incontri dedicati agli “over 60” in collaborazione fra Assessorato alla Coesione sociale del Comune di Cassino e Dipartimento di Prevenzione della Asl di Frosinone.

Prenderà il via il 5 novembre alle ore 15.30 presso il Centro Anziani di via Bembo a Cassino e proseguirà poi presso gli altri centri anziani di Cassino.

L’alimentazione assume, con il passare degli anni, un ruolo sempre più importante e la nostra salute e il nostro benessere dipendono molto da cosa e da come mangiamo.
Gli interventi di informazione e sensibilizzazione, realizzati attraverso gli incontri con gli operatori del SIAN Dr.ssa Paola Menichetti e Dr. Claudio Perna, saranno articolati in due momenti: un primo con la rilevazione degli stili alimentari e un secondo con la proiezione di slide inerenti le buone pratiche alimentari.

Con il passare del tempo l’organismo si modifica inviandoci segnali che è importante riconoscere per poter prendere i giusti provvedimenti e allontanare nel tempo i problemi legati a un corpo che invecchia.

L’invecchiamento non è una malattia, ma una condizione fisiologica, una fase della vita. Partendo da questa premessa è importante ricordare che grazie a uno stile di vita sano – che include anche un’alimentazione corretta – è possibile invecchiare bene e prevenire molte malattie tipiche degli anni che passano.

Fermo restando che invecchiare non significa per forza essere deboli e malati, con gli anni che passano è necessario fare i conti con i cambiamenti fisiologici ai quali l’organismo va incontro e magari modificare in parte i propri comportamenti quotidiani, dall’attività fisica alla nutrizione. Anche se potrebbe sembrare strano in una società come la nostra, gli esperti sono concordi nel dire che nell’anziano uno dei principali obiettivi di salute è evitare la malnutrizione.
Ed è importante precisare che per un anziano malnutrizione non significa solo mancanza di cibo. Ci sono fattori che portano, chi è più in là con gli anni, a mangiare poco (la mancanza di appetito, la difficoltà fisica a prepararsi i pasti o a deglutire eccetera), ma altre volte il problema è dato dal fatto che gli anziani preferiscono per comodità cibi pronti, troppo ricchi di sale, grassi e calorie ma poveri in vitamine e minerali. Si rischiano così due condizioni opposte, entrambe molto pericolose per la salute: da una parte l’eccessiva perdita di peso e dall’altra il sovrappeso e l’obesità, con carenza di alcuni nutrienti.
Raggiungere l’obiettivo di una corretta alimentazione nell’anziano non è affatto semplice anche a causa delle patologie che possono essere presenti come per esempio problemi cardiaci, ipertensione, malattie neurologiche (Alzheimer, Parkinson eccetera). Tutte queste condizioni costringono spesso le persone anziane ad assumere farmaci che possono influenzare l’assimilazione delle sostanze nutritive e l’appetito.
È dunque molto importante, quando le condizioni di salute generale sono complicate da diverse malattie, rivolgersi a un esperto che saprà consigliare i cibi migliori per una sana e corretta alimentazione.

«Per questo voglio ringraziare – ha dichiarato Luigi Maccaro, Assessore alla Coesione Sociale del Comune di Cassino – la dr.ssa Menichetti e il dr. Perna che si sono messi a disposizione per condurre questo percorso di prevenzione insieme con i nostri anziani. Così come ringrazio i Presidenti dei Centri Anziani del Comune di Cassino che hanno collaborato per la migliore riuscita di questa prima iniziativa».

Condividi: